Italiano English
HOME PAGE L'AZIENDA I VIGNETI I VINI MEDIEVALIA CONTATTI
     

I VIGNETI » Inquadramento geomorfologico

L'area oggetto dell'intervento, si sviluppa su una superficie di circa 13 ettari e comprende una dorsale collinare che s'innalza verso est, verso cioè Cima Mondragon, affiancata a nord e a sud da ampie vallate con pareti prossime alla verticale e profonde anche qualche decina di metri, mentre verso ovest, quest' area si prolunga fino alla valle del torrente Lierza.
L'asse di questa dorsale che s'innalza verso est, presenta una pendenza media di circa il 25%.

Dal punto di vista litologico, nella zona in esame la serie dei terreni presenti è costituita da una formazione conglomeratica, che compare in affioramento nella parte più elevata di questa collina. Essa è di origine continentale e si presenta in banconi di vario spessore, con ciottoli poligenici ed includendo nella sua parte basale lenti di arenaria.

Al di sotto di questa formazione sono presenti gli strati arenacei ben cementati, di origine lagunare e di colore variabile da turchino ad ocraceo in dipendenza del grado di alterazione superficiale subito. Più sotto incontriamo ancora una formazione arenacea più o meno cementata (molassa) e molto ricca di elementi argillosi e marnosi che la rendono meno resistente al taglio. Proprio con l'inizio in affioramento di questa ultima formazione sedimentaria si intende far corrispondere il limite più a monte dell'area scelta per la coltivazione agricola. Sono dunque questi ultimi i terreni che costituiscono la matrice del terreno agricolo in cui trarranno alimento le piantagioni programmate.

Dal punto di vista tettonico, la giacitura dei sedimenti sopra accennati risulta a monoclinale con immersione degli strati verso SE e pendenza prossima a 70° In vicinanza del bordo meridionale della dorsale citata corre una faglia transforme con direzione ESE-WNW che ha determinato l'avanzamento verso E del labro meridionale della faglia rispetto a quella settentrionale.

Questa presenza tettonica ha favorito l'erosione dei terreni da parte degli agenti atmosferici che hanno scavato una profonda valle lungo la direttrice della faglia.

Nell'area ove sorgono i caseggiati all'interno di questo fondo agricolo ed in quella antistante ad essi fino al fondovalle del torrente Lierza, che realizza in loco un laghetto di piccole dimensioni, è presente nell'immediato sottosuolo, uno spesso manto di materiali di frana provenienti dalla parte più elevata di questo sistema orografico. Ciò significa che anche nell'ambito della copertura di questo materiale erratico, la matrice del terreno agrario non si scosta da quella soprastante in posto come viene confermato anche dalle analisi dei campioni raccolti nelle due aree (vedi relazione tecnico-agronomica qui allegata).

Nella parte più elevata della zona prescelta per la coltivazione è presente uno spiazzo tra le quote 300m e 315m che presenta un impluvio rivolto ad ovest. Esso si adatta perfettamente senza importanti opere di risistemazione, a drenare l'acqua che lo coinvolge.

Per procedere alla messa a coltura del vigneto si ritiene opportuno sistemare il terreno in gradoni o terrazzi in modo da accedere agevolmente con mezzi meccanici.
Poichè questi terrazzi vengono costruiti in parte con terreno rimosso, potrebbero essere oggetto di piccoli smottamenti ed erosioni in periodi di grandi piogge. Per ridurre il pericolo di tale eventualità è opportuno stabilire la larghezza minima di questi terrazzi, quella considerata sufficiente per la loro funzionalità.

Tutto questo s'intende riferibile, all'area con pendenze forti, mentre in quella ad andamento morfologico più dolce, antistante ai caseggiati presenti nel podere, questo sistema a gradoni non è più necessario.

 

GALLERIA FOTOGRAFICA

     
     
     
     
Clicca sulle foto per vedere lo zoom
     
© La Commanderia dell'Anastasis - P.IVA 03726220266 Via Mondragon, 13 - Tarzo - Loc. Arfanta 31020 (TV) Privacy | Credits